domenica 18 marzo 2012

Letto montessoriano

Ne ho letto per la prima volta su Bebè a costo zero di Giorgia Cozza e l'idea mi è tanto piaciuta, poi ho letto questo interessantissimo articolo su GenitoriChannel.it e alla fine lo abbiamo fatto!

Complice il fatto che la cameretta piccola e che il lettino tradizionale, quello con le sbarre, ci sarebbe anche stato, ma con grande sacrificio di spazio....complice il fatto che a me quelle sbarre lì non sono mai piaciute....ci siamo lasciati ispirare dal letto montessoriano.

Che in sostanza non è altro che un letto da dove si possa salire e scendere liberamente. Un letto basso, per evitare il rischio di cadute, da dove il bimbo, compatibilmente con la sua età e le sue capacità motorie, possa salire e scendere.
Questo consente al bambino di vivere il suo letto e il suo spazio in modo libero e spontaneo, utilizzandolo sia per giocare che per trovare spontaneamente momenti di riposo durante il giorno, aiutandolo quindi a gestire se stesso e le proprie sensazioni legate al sonno, al desiderio di momenti di solitudine, o di ricerca dell'adulto. Questo non significa che il bambino possa andare a letto quando vuole, ma che lo spazio solitamente riservato solo alla nanna, diventa uno spazio a disposizione del bambino, che lo vive e lo gestisce e che, quando viene l'ora, lo accoglie per una nanna che sembra meno imposta...

Per Riccardo abbiamo preso questo letto Ikea, che è stato girato nella posizione della foto qualche mese prima della nascita della sorellina. 
Invece del lettino con le sbarre, quindi, abbiamo preso una rete e un materasso, messo il paracolpi su un lato e una spondina sull'altro e preparato il letto di Susanna.
A dire il vero il letto, così preparato, è rimasto lì qualche mese ad aspattare che fosse il suo momento. Da un po' Susanna dorme nel suo letto, un letto vero, un letto grande, un letto comodo per lei e per me. 
La sera si addormenta al seno di mamma. Io mi sdraio nel letto accanto a lei finché si addormenta. Con questo letto, tra l'altro, non c'è il risveglio classico dei bimbi posati nel lettino, che sentono il freddo e il vuoto sotto di loro, che li sveglia. Lei è comoda, al calduccio e non deve essere spostata, ma sono io che quando si addormenta mi sfilo e la lascio dormire.

Anche durante la notte, a seconda del tipo e dell'orario del risveglio, la allatto nel suo letto e torno nel mio. Dormiamo tutti e dormiamo bene. Le notti in cui i risvegli sono più frequenti la tengo con me, ma devo dire che da quando abbiamo trovato questa soluzione, i risvegli sono diminuiti, segnale che anche lei dorme bene, che le piace e si trova a suo agio.

Capita che la notte (o la mattina presto) dopo che si è svegliata gattoni fino all'estremità del letto, ieri l'ho trovata seduta sul cuscino messo sul pavimento per attutire eventuali cadute. Questo mi dà l'idea che devo andare da lei tempestivamente, ma che non ci sono pericoli per lei, che le idee di Maria Montessori erano proprio geniali!
Ecco una foto del letto di Riccardo e Susanna:

Quindi se siete in procinto di comprare il lettino, prendete in considerazione l'idea di un letto montessoriano e di un approccio diverso alle esigenze dei vostri figli.


5 commenti:

esercito italiano ha detto...

Sono entrata per caso nel tuo blog e questo articolo mi ha piaciuto tantissimo ,spero di rientrare un'altra volta.Complementi per il post.Daniela

Francesca ha detto...

L'ho fatto anche io con lo stesso letto Ikea e con le stesse tue motivazioni e percorso!che bello poterlo condividere!per ora non lo sto ancora utilizzando in realtà avevo cominciato ma Giosuè si sveglia ancora molte volte e alla fine è ancora nel lettone ma è lì pronto per essere usato:)

anna galimberti ha detto...

@Daniela: grazie :)

@Francesca: anche qui ancora parecchi risvegli, ma la prima parte della notte se la fa beata nel suo letto! ;)

erica visconti ha detto...

Ciao, ho anhc'io lo stesso letto ikea per la figlia grande, ho un'altro piccolino di 15 mesi che ora dorme nel lettino a sbarre ma vorrei fare una soluzione tipo la tua. Ti voelvo chiedere due cose, a che età l'hia messa in quel letto?
Le doghe hai preso quelle dell'ikea? e le hai puntellate alla base del letto? io pensavo di prednere semplicemente il materasso e appoggiarlo per terra.
Ciao

anna galimberti ha detto...

Ciao Erika!
La Susy ha dormito in quel letto dai 7 mesi fino ai 2 anni e mezzo circa (poi abbiamo preso la cameretta coi letti a castello e dorme nel letto normale).

Avevamo preso una rete sempre ikea, che si incastra perfettamente nella struttura del letto kura e poi sopra il materasso. Noi ci siamo trovati decisamente bene!

Fammi sapere cosa decidi di fare e come ti trovi!
Ciao
Anna